Quali parametri di monitoraggio o di URL è possibile utilizzare?

Quali parametri di monitoraggio o di URL è possibile utilizzare?

Esaminare i parametri dell'URL che è possibile aggiungere al modello di monitoraggio o URL di destinazione per scoprire come i visitatori raggiungono il sito Web.

Aggiungere i parametri dell'URL all'URL di destinazione oppure al modello di monitoraggio per scoprire come i visitatori raggiungono il sito Web. I parametri dell'URL vengono utilizzati per monitorare le informazioni relative all'origine di un clic sull'annuncio.

Anche se il nome della variabile e i parametri possono cambiare, la struttura è sempre la stessa:

  • Un parametro racchiuso tra { } che comunica a Bing Ads quali dati specifici si desidera che vengano restituiti quando un utente fa clic su un annuncio. I parametri specifici che è possibile scegliere sono elencati nella tabella sotto.
  • Una variabile che viene definita per archiviare tali dati. È possibile scegliere il nome della variabile desiderato ma deve essere il nome utilizzato nello script del sito Web per archiviare il valore restituito dal parametro. Per definire i nomi appropriati da utilizzare, rivolgersi ai programmatori del sito Web.

L'aspetto finale sarà:

www.yourLandingPageURL.com?variable={parameter}

Se si stanno aggiungendo più variable={parameter}, è necessario separare la coppia variabile/parametro con una e commerciale (&).

Parametri disponibili per:

URL di destinazione, URL finali, modelli di monitoraggio e parametri personalizzatiexpando image
{CampaignId}
Risultato:

ID della campagna che ha attivato l'annuncio. Si supponga ad esempio che l'URL di destinazione sia www.northwindtraders.com/{CampaignId}. Se l'ID della campagna è 2410012280, l'URL di destinazione sarà www.northwindtraders.com/2410012280.

{Campaign}
Risultato

Nome della campagna che ha attivato l'annuncio. Si supponga ad esempio che l'URL di destinazione sia www.northwindtraders.com/{Campaign}. Se il nome della campagna è Vendita, l'URL di destinazione sarà www.northwindtraders.com/Vendita.

{AdGroupId}
Risultato

ID del gruppo di annunci che ha attivato l'annuncio. Si supponga ad esempio che l'URL di destinazione sia www.northwindtraders.com/{AdGroupId}. Se l'ID del gruppo di annunci è 2410012280, l'URL di destinazione sarà www.northwindtraders.com/2410012280.

{AdGroup}
Risultato

Nome del gruppo di annunci che ha attivato l'annuncio. Si supponga ad esempio che l'URL di destinazione sia www.northwindtraders.com/{AdGroup}. Se il nome del gruppo di annunci è Svendita, l'URL di destinazione sarà www.northwindtraders.com/Svendita.

{TargetId}
Risultato

L'ID della parola chiave ("kwd"), l'elenco di remarketing ("aud") o il target dell'annuncio dinamico ("dat") che ha attivato l'annuncio.

{MatchType}
Risultato

Tipo di corrispondenza utilizzato per recapitare un annuncio. Questo elemento può essere diverso da {BidMatchType}. Ad esempio, se si effettua un'offerta per una corrispondenza generica e il termine di ricerca era una corrispondenza esatta. Ciò consente di determinare il tipo di corrispondenza che riceve il numero maggiore di clic.

  • e=esatta
  • p=a frase
  • b=generica
  • b= espanso (la corrispondenza espansa viene considerata come una corrispondenza generica).
{BidMatchType}
Risultato

Tipo di corrispondenza offerta per parola chiave. Questo elemento può essere diverso da {MatchType}. Ad esempio, se si effettua un'offerta per una corrispondenza generica e il termine di ricerca era una corrispondenza esatta. Se utilizzato con {MatchType}, consente di migliorare la strategia relativa all'offerta, alle parole chiave e alla pagina di destinazione.

  • be=corrispondenza esatta dell'offerta
  • bp=corrispondenza a frase dell'offerta
  • bb=corrispondenza generica dell'offerta
{Network}
Risultato

Tipo di rete di annunci in cui l'annuncio è stato visualizzato.

  • o = di proprietà e gestiti (risultati di Bing e AOL)
  • s = su altri canali
Si supponga ad esempio che l'URL di destinazione sia www.northwindtraders.com/{Network}. Presumendo che la rete (distribuzione dell'annuncio) sia solo ricerca di Bing, AOL e Yahoo (di proprietà e gestito), l'URL di destinazione sarà www.northwindtraders.com/network=o.
{Device}
Risultato

Uno dei codici seguenti in base alla provenienza del clic. Questo elenco consente di determinare il tipo di dispositivo che genera il numero maggiore di clic. È quindi possibile personalizzare gli annunci e le relative offerte.

  • m=dispositivo mobile
  • t=dispositivo tablet
  • c=computer desktop o portatile
{IfMobile:string}
Risultato

Testo string (definito nel modo desiderato) a destra dei due punti se l'annuncio viene visualizzato in un dispositivo mobile. Se ad esempio il parametro è {IfMobile:adDisplayedOnMobile} e l'annuncio è stato visualizzato in un dispositivo mobile, al log del server viene trasmesso il valore adDisplayedOnMobile.

{IfNotMobile:string}
Risultato

Testo string (definito nel modo desiderato) a destra dei due punti se l'annuncio viene visualizzato in un dispositivo desktop, portatile o tablet. Se ad esempio il parametro è {IfNotMobile:adNotOnMobile} e l'annuncio è stato visualizzato in un dispositivo mobile, al log del server viene trasmesso il valore adNotOnMobile.

{IfSearch:string}
Risultato

Testo string (definito nel modo desiderato) a destra dei due punti se l'annuncio viene visualizzato nella rete di ricerca. Se ad esempio il parametro è {IfSearch:adDisplayedOnSearch} e l'annuncio è stato visualizzato nella rete di ricerca, al log del server viene trasmesso il valore adDisplayedOnSearch.

{IfContent:string}
Risultato

Testo string (definito nel modo desiderato) a destra dei due punti se l'annuncio viene visualizzato nella rete di contenuti. Se ad esempio il parametro è {IfContent:adDisplayedOnContent} e l'annuncio è stato visualizzato nella rete di contenuti, al log del server viene trasmesso il valore adDisplayedOnContent.

{IfNative:string}
Risultato

il testo string (definito dall'utente) a destra dei due punti verrà sostituito nell'URL se l'annuncio viene visualizzato come annuncio nativo. Se ad esempio il parametro è {IfNative:nativeAd} e l'annuncio è stato visualizzato come annuncio nativo, al log del server viene trasmesso il valore nativeAd.

{IfPLA:string}
Risultato

Il testo string (definito dall'utente) a destra dei due punti verrà sostituito nell'URL se l'annuncio viene visualizzato come annuncio prodotto. Se ad esempio il parametro è {IfPLA:productAd} e l'annuncio è stato visualizzato come annuncio prodotto, al log del server viene trasmesso il valore productAd.

{AdId}
Risultato

ID numerico dell'annuncio visualizzato.

Per conoscere l'ID dell'annuncio, è sufficiente accedere alla scheda Annunci nella pagina Campagne. Se la colonna ID annuncio non è presente nella tabella, fare clic su Colonne e selezionare ID annuncio. Fare quindi clic su OK.

{keyword:default}
Risultato

Sostituisce la parola chiave corrispondente al termine di ricerca dell'utente. Gli spazi della parola chiave verranno sostituiti con "%20" per fare in modo che l'URL sia valido.

Nota: È necessario fornire una stringa predefinita che il sistema utilizzerà nel caso in cui l'inclusione del valore di sostituzione dovesse rendere la lunghezza della stringa espansa superiore al limite consentito per l'URL.

La sostituzione del testo predefinito non è supportata. È quindi necessario non includere caratteri come uno spazio che renderebbero l'URL non valido.

{OrderItemId}
Risultato

ID numerico della parola chiave che ha attivato la visualizzazione dell'annuncio.

{param1:default}
Risultato

Sostituisce {Param1} nell'URL con l'impostazione Param1 della parola chiave corrispondente al termine di ricerca dell'utente.

Nota: È necessario fornire una stringa predefinita che il sistema utilizzerà nel caso in cui l'inclusione del valore di sostituzione dovesse rendere la lunghezza della stringa espansa superiore al limite consentito per l'URL.

{param2:default}
Risultato

Sostituisce {Param2} nell'URL con l'impostazione Param2 della parola chiave corrispondente al termine di ricerca dell'utente.

Nota: È necessario fornire una stringa predefinita che il sistema utilizzerà nel caso in cui l'inclusione del valore di sostituzione dovesse rendere la lunghezza della stringa espansa superiore al limite consentito per l'URL.

{param3:default}
Risultato

Sostituisce {Param3} nell'URL con l'impostazione Param3 della parola chiave corrispondente al termine di ricerca dell'utente.

Nota: È necessario fornire una stringa predefinita che il sistema utilizzerà nel caso in cui l'inclusione del valore di sostituzione dovesse rendere la lunghezza della stringa espansa superiore al limite consentito per l'URL.

{QueryString}
Risultato

Testo della query di ricerca immesso dall'utente.

{copy:queryparameter}

Il parametro {copy} non funziona con gli URL finali ma funziona con gli URL di destinazione.

Quando viene pubblicato un annuncio con un'estensione app, un'estensione annuncio immagine o un'estensione sitelink, la stringa {copy} nell'URL di destinazione dell'estensione annuncio viene sostituita con il parametro di query indicato dall'URL di destinazione risolto dell'annuncio. L'URL di destinazione risolto è l'URL impiegato dal'annuncio nel momento in cui viene presentato l'annuncio; dopo che tutte le stringhe di testo dinamico nell'URL di destinazione dell'annuncio sono state sostituite con valori effettivi. Ad esempio, se l'URL di destinazione di un'estensione sitelink contiene {copy:myId} e l'URL di destinazione risolto dell'annuncio include ?myId=123, la stringa {copy:myId} verrà sostituita con myId=123. Se l'URL di destinazione risolto dell'annuncio non include il parametro di query, la stringa {copy} verrà sostituita con la parte di nome del parametro di query. Ad esempio, myld=.

Nota

Se gli URL di destinazione delle parole chiave sono stati aggiornati agli URL finali ma gli URL delle estensioni sitelink non sono ancora stati aggiornati, il parametro {copy} continuerà a funzionare per l'estensione siitelink. Ad esempio:

URL finale parola chiave (aggiornato):

http://www.example.com?a=1&b=desk

URL mobile parola chiave (aggiornato):

http://www.example.com?a=1&b=mob

URL estensione sitelink (non aggiornato):

http://www.example.com?a=1&{copy:b}

In Bing Ads non sono supportati i parametri seguenti. Se vengono utilizzati, restituiranno un valore vuoto:

  • {adextensionid}
  • {loc_physical_ms}
  • {loc_interest_ms}
Importante

I parametri personalizzati restituiscono la variabile se vengono aggiunti a un modello di monitoraggio, ma restituiscono un valore vuoto se vengono aggiunti a un URL di destinazione.

Solo modelli di monitoraggioexpando image

I modelli di monitoraggio devono includere un parametro che inserisca l'URL della pagina di destinazione utilizzando {lpurl} o altri parametri avanzati. Dopo che viene fatto clic sull'annuncio, questi parametri inseriranno l'URL finale. Se non si include un parametro di inserimento dell'URL nel modello di monitoraggio, l'URL della pagina di destinazione verrà interrotto.

Configurazione di base di {lpurl}
Casi di utilizzo:

Monitorare i tag nella pagina di destinazione effettiva.

Struttura del modello di monitoraggio:

{lpurl}, un punto interrogativo e quindi tutti i parametri

Esempio:
URL finale:

http://example.com

Modello di monitoraggio:

{lpurl}?matchtype={matchtype}

URL della pagina di destinazione:

http://example.com?matchtype={matchtype}

Un reindirizzamento e parametri {lpurl}
Casi di utilizzo:

È presente un reindirizzamento a un sito Web di monitoraggio e si desidera inviarvi parametri.

Struttura del modello di monitoraggio:

URL di reindirizzamento, un punto interrogativo, url={lpurl}, una e commerciale e quindi tutti i parametri

Esempio:
URL finale:

http://example.com

Modello di monitoraggio:

http://tracker.com?url={lpurl}&matchtype={matchtype}

URL della pagina di destinazione:

http://tracker.com?url=http%3A%2F%2Fexample.com&matchtype={matchtype}

Un reindirizzamento e parametri della pagina di destinazione (modello di monitoraggio) {lpurl}
Casi di utilizzo:

È presente un reindirizzamento a un sito Web di monitoraggio e si desidera inviare parametri alla pagina di destinazione mediante un modello di monitoraggio.

Struttura del modello di monitoraggio:

URL di reindirizzamento, un punto interrogativo, url={lpurl}, %3F, %26 e quindi tutti i parametri

Poiché {lpurl} non si trova all'inizio del modello di monitoraggio, è necessario aggiungere %3F dopo {lpurl} anziché un punto interrogativo. È inoltre necessario sostituire la e commerciale (&) con %26.

Esempio:
URL finale:

http://example.com

Modello di monitoraggio:

http://tracker.com?url={lpurl}%3F%26matchtype={matchtype}

URL della pagina di destinazione:

http://tracker.com?url=http%3A%2F%2Fexample.com%3F%26matchtype={matchtype}

Un reindirizzamento e parameri della pagina di destinazione (nessun modello di monitoraggio) {lpurl}
Casi di utilizzo:

È presente un reindirizzamento a un sito Web di monitoraggio e si desidera inviare parametri alla pagina di destinazione senza utilizzare un modello di monitoraggio.

Struttura del modello di monitoraggio:

URL di reindirizzamento, un punto interrogativo, url={lpurl}

Quando si utilizza un URL di reindirizzamento, è consigliabile archiviare i parametri della pagina di destinazione nell'URL finale in modo che Bing esegua l'intera codifica all'interno di {lpurl} quando valuta il modello di monitoraggio.

Esempio:
URL finale:

http://example.com?matchtype={matchtype}

Modello di monitoraggio:

http://tracker.com?url={lpurl}

URL della pagina di destinazione:

http://tracker.com?url=http%3A%2F%2Fexample.com%3F%26matchtype={matchtype}

Nota

È consigliabile inserire {lpurl} all'inizio del modello di monitoraggio. In caso contrario, verrà eseguito l'escape dell'URL finale. I caratteri di cui verrà eseguito l'escape sono ?, =, ", #, \t, ' e [spazio].

Parametri avanzati

Sono inoltre disponibili parametri avanzati che è possibile utilizzare se si dispone di più di un reindirizzamento oppure si desidera usare URL con escape o senza escape. Di seguito è riportato un breve riepilogo:
ParametroRisultato
{lpurl+2}URL finale con doppio escape. Noto anche come doppia codifica. È consigliabile utilizzarlo quando sono presenti 2 reindirizzamenti prima di raggiungere la pagina di destinazione.
URL finale:

http://example.com

Modello di monitoraggio:

http://a-tracker.com?urlb=http%3A%2F%2Fb-tracker.com%3Furl%3D{lpurl+2}

URL della pagina di destinazione:

http://a-tracker.com?urlb=http%3A%2F%2Fb-tracker.com%3Furl%3Dhttp%253A%252F%252Fexample.com

{lpurl+3}URL finale con triplo escape. Noto anche come tripla codifica. Si utilizzano quando sono presenti 3 reindirizzamenti prima di raggiungere la pagina di destinazione.
URL finale:

http://example.com

Modello di monitoraggio:

http://a-tracker.com?urlb=http%3A%2F%2Fb-tracker.com%3Furlc%3Dhttp%253A%252F%252Fc-tracker.com%253Furl%253D{lpurl+3}

URL della pagina di destinazione:

http://a-tracker.com?urlb=http%3A%2F%2Fb-tracker.com%3Furlc%3Dhttp%253A%252F%252Fc-tracker.com%253Furl%253Dhttp%25253A%25252F%25252Fexample.com

{unescapedlpurl}URL finale senza escape.
{escapedlpurl}URL finale con escape. Viene eseguito l'escape dei caratteri :, /,?, = e %.
{escapedlpurl+2}URL finale con doppio escape. Utile se si dispone di una catena di reindirizzamenti.
{escapedlpurl+3}URL finale con triplo escape. Utile se si dispone di una catena di reindirizzamenti.
Quali caratteri è consigliabile aggiungere dopo il parametro di inserzione dell'URL?expando image

Come illustrato negli esempi precedenti, ciò che si aggiunge dopo il parametro di inserzione dell'URL dipende dalla posizione del modello di monitoraggio in cui lo si inserisce. È consigliabile attenersi alle regole seguenti. In caso contrario, è possibile che le informazioni relative ai parametri dell'URL non vengano salvate correttamente nel proprio sito Web o nel sistema di terze parti.

ParametroPosizione modello di monitoraggioSeguita daEsempio
{lpurl}Inizio?{lpurl}?
{lpurl}Non all'inizio%3F{lpurl}%3F
{lpurl+2}Non all'inizio%253F{lpurl+2}%253F
{lpurl+3}Non all'inizio%25253F{lpurl+3}%25253F
{unescapedlpurl}In un punto qualsiasi?{unescapedlpurl}?
{escapedlpurl}In un punto qualsiasi%3F{escapedlpurl}%3F
{escapedlpurl+2}In un punto qualsiasi%253F{escapedlpurl+2}%253F
{escapedlpurl+3}In un punto qualsiasi%25253F{escapedlpurl+2}%253F

Se l'URL finale contiene già un punto interrogativo, Bing Ads lo sostituirà nel modello di monitoraggio con una e commerciale o con la versione di una e commerciale con escape corretto.

Solo URL finaleexpando image
ParametroRisultato
{ignore}Ignora gli elementi di monitoraggio dell'URL finale per ridurre il carico della ricerca per indicizzazione nel sito Web. Può essere utilizzato solo nell'URL finale o nell'URL mobile finale.
Ad esempio, se l'URL finale è http://www.example.com/product?p1=a&/p2=b&p3=c&p4=d e le informazioni di monitoraggio seguenti al punto interrogativo nell'URL non modificano la pagina di destinazione, è possibile inserire il parametro {ignore} prima delle informazioni di monitoraggio per indicare che tutti gli elementi dopo tale parametro sono solo informazioni di monitoraggio. Di seguito è disponibile un esempio di come eseguire questa operazione: http://www.example.com/product?{ignore}p1=a&p2=b&p3=c&p4=d

Ecco alcuni elementi da tenere presenti quando si utilizza {ignore}

  • {ignore} non può essere incorporato all'interno di altri parametri.
  • È necessario utilizzare {ignore} nell'URL finale se tutti gli elementi dell'URL finale possono essere modificati da terze parti, quando un utente fa clic sull'annuncio.
Solo campagne acquisti di Bingexpando image

Se si pubblicizzano gli annunci prodotto in campagne acquisti di Bing, il valore DestinationUrl di un elemento BiddableAdGroupCriterion può includere le seguenti stringhe di testo dinamico. Le stringhe fanno distinzione tra maiuscole e minuscole e devono includere le parentesi graffe di apertura e chiusura.

ParametroRisultato
{CriterionId}Identificatore del gruppo di prodotti Bing Shopping utilizzato con gli annunci prodotto.
{product_country}Il paese o l'area geografica di vendita del prodotto nell'annuncio selezionato. Ad esempio, Stati Uniti, Regno Unito e così via.
{ProductId}ID numerico del prodotto che ha attivato l'annuncio. Questo valore proviene dal catalogo di Bing Merchant Center e viene utilizzato con gli annunci prodotto.
{product_language}La lingua delle informazioni sul prodotto, come indicato nei feed di dati di Merchant Center. Ad esempio, EN e FR.
{seller_name}Il valore associato al rivenditore del prodotto, che può essere il nome del rivenditore disponibile nel feed o il nome del negozio, a seconda che l'inserzionista sia un aggregatore o meno.

See more videos...